L’idea di Cellario

Voglio fare un

vino buono, naturale,

che vi dia l’emozione

della mia terra…

Fausto cellario

Siamo la terza generazione di viticoltori, crediamo nei vitigni autoctoni delle Langhe, difendiamo le tradizioni di vinificazione locali sia in vigna che in cantina e pratichiamo un’agricoltura sostenibile.
Non vogliamo un vino anonimo, ma che rispecchi la terra da cui proviene e che abbia anche un po’ di noi, per questo non usiamo pesticidi o altre sostanze chimiche e stiamo il più attenti possibile alla natura.
Crediamo alla brezza che dal fiume (Tanaro) salendo i calanchi dei Genè va ad accarezzare le nostre viti creando quella escursione termica notte/giorno che dà intensi profumi di frutta al nostro Dolcetto, crediamo in un vino che ha qualcosa anche di noi, perchè ogni nostra piccola scelta, partendo dalla potatura di ogni singola vite, fino a decidere il giorno in cui imbottigliare il lavoro di un anno, ci dà la gioia di donare qualcosa a voi che state bevendo questa bottiglia.

Ho scoperto circa vent’anni fa che mia moglie era intollerante ai solfiti, questo è stato uno dei motivi che ci ha spinti nel tempo a creare sempre di più un vino senza chimica… Genuino, naturale

fausto cellario
Intervista a Radio Veronica One